Filetto di persico in crosta – con crema di zucca, chips di cavolo nero e crostone di pane –

Filetto di persico in crosta – con crema di zucca, chips di cavolo nero e crostone di pane –

 

Non a tutti piace fare il pesce a casa, non lascia un buon odore o magari non riesce come lo si desiderava. In realtà basta veramente poco per trasformare qualcosa di buono, anche in qualcosa di facile da portare a tavola. Il piatto di oggi sembra complicato, ma in realtà non lo è affatto. 

 

ingredienti:

3 filetti di pesce persico (già puliti, circa 200 g)

20 g di cavolo nero 

160 g di zucca 

500 ml di brodo vegetale 

1 scalogno

4 cucchiai di parmigiano reggiano

3 cucchiai di pangrattato 

30 g di burro

3 fette di pane 

paprika dolce

sale 

pepe

olio evo

 

 

 

PROCEDIMENTO

Pulite e tagliate la zucca a dadini, mettetela in una padella con mezzo scalogno e fate cuocere, aggiungendo il brodo poco alla volta finché non sarà cotta. Mentre la zucca si cuoce pulite il cavolo nero, togliete il gambo, strofinatelo con il mezzo scalogno rimasto. Tagliatelo a pezzetti (non troppo piccoli) stendeteli su una teglia coperta con carta forno, salateli, pepateli e aggiungete un filo d’olio. Cuocete in forno a 160°/170° C per 5 minuti (stando attenti che non diventino marroni, cioè bruciati). Togliete dal forno e fate raffreddare. La zucca ormai cotta, trasferitela in un mixer con, 1 cucchiaio di parmigiano, il sale, il pepe e frullate tutto, creando una crema liscia e omogenea. Prendete poi i filetti di persico e per ogni filetto tagliate 10 g di burro, strofinatelo sul pesce(ma solo su un lato), poi sbriciolatelo. In un piatto mescolate il restante parmigiano con il pangrattato, un pizzico di sale, un pizzico di pepe e un pò di paprika dolce. Versate la panatura preparata sui filetti, mettete su una teglia (sempre coperta con della carta forno) e infornate a 190°C per 20/25 minuti. Due minuti prima che il pesce sia cotto, abbrustolite anche il pane. Una volta pronto il pesce, servite con la crema di zucca, le chips di cavolo e il crostone di pane.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *